Boiler a pompa di calore ecologici

Boiler a pompa di calore

Produzione di acqua calda sanitaria con efficienza energetica

La Svizzera deve ridurre il consumo di energia, incrementare l'efficienza energetica e promuovere le energie rinnovabili: è quanto è stato deciso in modo definitivo con la votazione popolare del 21 maggio 2017 accettando la nuova legge sull'energia. Questa decisione nazionale rafforza indirettamente anche l'orientamento e gli obiettivi dei modelli di prescrizioni energetiche dei cantoni 2014 (MoPEC). Nel settore dell'edilizia questi modelli prevedono, tra l'altro, il risanamento dei boiler elettrici centrali negli edifici abitativi con 1 - 4 appartamenti (cfr. infobox).

I bollitori convertono la corrente elettrica direttamente in calore. Il consumo di corrente di questi apparecchi corrisponde in Svizzera a circa 1 miliardo di kWh all'anno, ovvero circa il 4% dell'attuale consumo totale. Come per il riscaldamento degli ambienti anche per la produzione di acqua calda sanitaria esistono oggi delle tecnologie a basso consumo energetico.

Boiler a pompa di calore Atlantic WPB CR 270 Solar

La sostituzione di bollitori elettrici con bollitori a pompa di calore costituisce una soluzione di risanamento a basso costo. La pompa di calore integrata nel bollitore riduce il consumo di elettricità al 35%. Il restante 65% viene attinto dall'aria ambiente.

In collaborazione con Atlantic Suisse SA Debrunner Acifer SA offre un ampio assortimento in questo settore. La vasta gamma di bollitori verticali di qualità, concepiti specialmente per la produzione di acqua sanitaria, con pompa di calore aria-acqua integrata, comprende capacità da 200 a 450 litri. I boiler a pompa di calore si contraddistinguono per un coefficiente di prestazione (COP) fino a 3.81.

Con il nuovo modello WPB-CR 270 Solar Atlantic ha colto nel segno! Oltre a un COP di 3.61 e un range di funzionamento tra -10°C e +35°C, questo boiler a pompa di calore in acciaio inox è ora disponibile anche con un registro che consente la produzione di acqua calda sanitaria anche mediante un collettore solare.

Panoramica dei vantaggi

  • Ampio assortimento
  • Vantaggiosa alternativa ai boiler elettrici
  • Rispetto dei requisiti previsti dai MoPEC
  • Riduzione del consumo energetico del 65%
  • Capacità da 200 a 450 litri
  • Buon coefficiente di prestazione (COP)
Non aspettate e contattate ora la società Debrunner Acifer SA della vostra zona. Siamo a vostra disposizione per una consulenza nella produzione di acqua calda e per aiutarvi a scegliere il giusto bollitore.

Efficienza energetica degli edifici - Il nuovo orientamento della politica energetica

Quando si tratta di emanare delle disposizioni in materia di efficienza energetica degli edifici la competenza ricade principalmente sui Cantoni. La Conferenza dei direttori cantonali dell'energia (EnDK) sostiene attivamente il nuovo orientamento della politica energetica e persegue obiettivi realistici.

Un'importante misura legata alla nuova strategia energetica svizzera concerne la revisione dei modelli di prescrizioni energetiche dei cantoni (MoPEC). I MoPEC sono un insieme di prescrizioni legali in materia d’energia nel settore della costruzione elaborate congiuntamente dai cantoni. I MoPEC 2014 costituiscono la quarta edizione del modello di regolamento cantonale e sono quindi una rielaborazione del modello revisionato per l'ultima volta nel 2008. In termini di energia termica un nuovo edificio realizzato secondo il MoPEC 2014 consumerà solo circa 3,5 litri di gasolio equivalente al metro quadrato di superficie abitabile, mentre gli edifici sottoposti a un risanamento sostanziale ne consumeranno circa 8 litri.

Edifici nuovi
  • A partire dal 2020, gli edifici di nuova costruzione copriranno tutto l’anno, e nella maggiore autonomia possibile, il fabbisogno globale di energia per il riscaldamento e una parte significativa del fabbisogno di energia elettrica.
Edifici costruiti prima del 1990
  • A partire dal 2015 sarà proibito l’uso della corrente elettrica per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda, con l’obbligo di risanamento entro 10 anni. A partire dal 2020 negli edifici totalmente rinnovati la produzione di acqua calda dovrà avvenire principalmente tramite energie rinnovabili.
  • Il passaggio alle energie rinnovabili e il risanamento dell’involucro degli edifici saranno maggiormente incentivati.