Putrelle in acciaio, tubi in acciaio e armature

Acciaio metalli ferro d’armatura Seckbrücke
Gli apprendisti incastrano l'acciaio d'armatura nella roccia per poi fissare la struttura del ponte.

Gli apprendisti costruiscono un ponte con l'acciaio di Debrunner Acifer

15 apprendisti metalcostruttori dell'istituto di formazione professionale di Buchs (bzb) hanno costruito un ponte di acciaio nel distretto Schwende (AI) con il sostegno di Debrunner Acifer AG che ha messo a disposizione il materiale a condizioni speciali. Questo progetto ha consentito ai futuri metalcostruttori di acquisire una preziosa esperienza pratica e contemporaneamente di sostituire una costruzione obsoleta con una struttura sostenibile in acciaio.

Il distretto Schwende nell'Appenzello Interno ha ora un nuovo gioiello. È in acciaio, ha una lunghezza di oltre 11 metri e un peso complessivo di due tonnellate, pari circa a un'autovettura di classe media. Si tratta nel nuovo ponte nel cuore dell'alpe Poter, nel distretto Schwende (AI), che consente agli escursionisti di attraversare il torrente Seck.

Acciaio metalli acciaio putrelle Seckbrücke
Un elicottero porta la struttura in acciaio sul cantiere.

Su incarico del distretto Schwende Peter Breu, insegnante di costruzioni metalliche al bzb di Buchs, insieme a 15 apprendisti ha demolito una vecchia struttura costituita da traverse ancorate a un palo e ne ha costruita una nuova in acciaio. «Questo incarico ci ha dato la fantastica opportunità di fare una preziosa esperienza professionale e di mettere alla prova il nostro know how», ha detto Breu.

Sistema portante con putrelle in acciaio

Come era già successo per altri progetti pratici, per il ponte sul torrente Seck l'insegnante di costruzioni metalliche Peter Breu si è avvalso dell'ampio assortimento di prodotti di qualità di Debrunner Acifer San Gallo. La struttura portante è costituita da due putrelle continue in acciaio IPE-240 unite da controventature trasversali a X e sostenute da un braccio angolare d'acciaio e da putrelle in acciaio UPE-140.

Acciaio metalli acciaio in barre Seckbrücke
Una volta fissata la struttura del ponte si procede al montaggio della ringhiera e alla posa delle griglie.

Le parti terminali del ponte poggiano su strutture in acciaio d'armatura ancorate nella roccia. Sul sistema portante sono state montate delle griglie in acciaio e una ringhiera costituita da una barra d'acciaio, tubolari da 5/4" e una rete metallica a torsione semplice e maglia quadrata.

In maggio Breu aveva misurato l'area e disegnato la costruzione. Gli apprendisti hanno poi studiato i piani autonomamente, hanno creato dei gruppi di lavoro e definito i punti di contatto. In questo modo sono riusciti a stabilire i termini dei processi ed elaborare le distinte dei pezzi. «Il coordinamento è stato un compito titanico», dice Breu.

Trasporto con il trattore e l'elicottero

Nella tarda estate gli apprendisti erano pronti a tagliare, saldare e avvitare i singoli elementi del ponte nelle aziende formatrici; principalmente nel loro tempo libero e questo, secondo Breu, ha dimostrato la grande motivazione dei futuri metalcostruttori.

Acciaio metalli Seckbrücke
Gli apprendisti metalcostruttori sono riusciti a installare il nuovo ponte sul torrente Seck in due giorni d'intenso lavoro.

Il ponte è stato infine assemblato un venerdì sera di settembre in un laboratorio. «Eravamo molto nervosi e curiosi di vedere se il nostro lavoro era ben fatto», dice Breu. «Era tutto perfetto al millimetro.» A fine ottobre eravamo pronti. La mattina di buon'ora i 15 apprendisti hanno trasportato sull'alpe Poter il sistema portante, il braccio d'acciaio, i vari componenti e utensili usando un trattore e un rimorchio. Un elicottero della ditta Heli Linth AG ha trasportato invece con un gran frastuono sulla riva del fiume la pesante struttura in acciaio e tutto il materiale; il terreno accidentato non ha permesso il trasporto a piedi.

Per due giorni in ottobre, nella fase finale del progetto, gli apprendisti hanno ancorato nella roccia il ferro d'armatura, hanno avvitato le parti in acciaio, gettato il calcestruzzo e infine ricoperto di ghiaia gli accessi al ponte. Il risultato è visibile a tutti. «I progetto ha richiesto molto tempo, tuttavia sono molto contento del risultato», dice Breu. «È proprio grazie a questi progetti pratici che gli apprendisti possono vedere concretamente cosa sono in grado di fare.»

Acciaio metalli acciaio in barre Seckbrücke Peter Breu

Intervista con Peter Breu, insegnate di costruzioni metalliche all'istituto di formazione professionale di Buchs (bzb)

1. Com'è nato questo progetto?

Sono sempre alla ricerca di progetti da concretizzare. Con altre classi, ad esempio, abbiamo realizzato in passato un muro a secco presso la capanna del CAS Carschina a Prättigau e ricostruito un vecchio telaio della ferrovia a vapore della Furka. Quando ad aprile il cantoniere dell'Appenzello Interno Patric Hautle mi ha parlato del progetto per la ricostruzione del ponte sul torrente Seck mi sono subito interessato. Ci siamo incontrati e mi ha mostrato il progetto: l'idea ci ha subito entusiasmato e abbiamo dato il nostro consenso in tempi relativamente brevi.

2. Quale profitto può trarre la sua classe da simili progetti pratici?

Gli apprendisti possono vedere concretamente il risultato del loro lavoro. Inoltre si fanno un'idea precisa dei diversi ambiti in cui possono operare. E questo è importante perché la professione del metalcostruttore è molto sfaccettata. Le esperienze che simili progetti permettono di acquisire sono molto preziose, non solo per l'attività professionale di ogni giorno. Costruendo un nuovo ponte, infatti, gli apprendisti hanno realizzato un'opera di cui beneficia l'intera collettività. Se all'interno della classe però non c'è armonia, evito di presentare simili progetti pratici. Dobbiamo andare tutti nella stessa direzione altrimenti non funziona. Questa volta la motivazione degli apprendisti era enorme sin dall'inizio.

3. Qual è il suo bilancio di questa esperienza?

Sono felice che sia andato bene, senza incidenti né attriti. Abbiamo lavorato molto, ma ci siamo anche divertiti e la dinamica del gruppo è sempre stata molto positiva. Ringrazio la direzione dell'istituto bzb, che ha sostenuto il progetto al 100%, e le azienda formatrici coinvolte che ci hanno dato la possibilità di assemblare gli elementi del ponte nei loro laboratori. Senza il loro aiuto questo progetto non si sarebbe concretizzato. Vorrei rivolgere un ringraziamento anche alla Debrunner Acifer che ci ha fornito il materiale per la costruzione a condizioni vantaggiose e che si è impegnata affinché gli apprendisti potessero vivere questa preziosa esperienza. Magari fra qualche anno visiteranno il ponte con i loro figli o nipoti e racconteranno loro la storia di questo progetto.